MAGIC TALKABOUT

Origine

Le origini dello Shih-tzu sono antichissime ma la razza,come la conosciamo oggi,è assai recente. La prima importazione occasionale,in Gran Bretagna,risale agli inizi del secolo scorso ma risulta non essere mai stata allevato fino al 1930 in seguito ad alcune importazioni provenienti dalla Cina e dobbiamo attendere il 1940 per il riconoscimento ufficiale da parte del Kennel Club Inglese ed il 1969 per quello dell'American Club Kennel.
Un manoscritto del 990 a.C. narra che un cane tibetano di piccola taglia(non sappiamo se più assomigliante ad uno Shih-Tzu o ad un Lhasa Apso)venne donato dalla popolazione della città di Hochou,ai confini con Tibet,come tributo all'imperatore cinese.I cani omaggiati dovevano essere di sesso maschile e per questo motivi,una volta giunti a corte,sarebbero stati incrociati con altri cani di origine cinese dando vita ad un cane che venne chiamato "cane leone" oppure Shih-Tzu.
L'associazione al leone sembra invece sia nata dalla leggenda del"Budda Manjusri" ,il Dio della Conoscenza,che si racconta viaggiasse con un "piccolo cane leone" (Shih-Tzu) che poteva trasformarsi in un felino adulto e trasportarlo lontanissimo a cavalcioni sulla sua groppa.
Se questa è la storia che si intreccia con la leggenda ciò che sappiamo,con certezza delle origini dello Shi-Tzu, è che la famiglia imperiale cinese allevò questi cani per centinaia di anni quasi a voler continuare una sorta di legame tra gli stessi imperatori e Budda.
Grande impulso all'allevamento e alla selezione dello Shih-Tzu venne dato dall'imperatrice Tzu Hsi alla fine del XIX secolo: fra i tanti cani che vivevano a corte lo Shih-Tzu era considerato di proprietà personale della famiglia imperiale. Con la morte dell'imperatrice (1908) molti cani vennero allevati e poi venduti dai suoi servitori,risale infatti a quegli anni la prima esportazione verso la Gran Bretagna,anche se la maggior conoscenza della razza in Occidente è avvenuta alla fine della seconda guerra mondiale e la maggior diffusione nell'ultimo ventennio del XX secolo.

Pezzo tratto e riassunto dal libro "Lo Shih-Tzu" di Filippo Cattaneo